Resistenze Indigene – La Battaglia di Mactan

Qualche giorno fa, precisamente il 27 aprile, è caduto l’anniversario della Battaglia di Mactan, battaglia nella quale perse la vita il famoso navigatore e conquistatore Ferdinando Magellano. E visto che in questo blog non parlo solamente di anarchismo e antropologia (che pur rimangono gli argomenti principali), ma anche di storia (sopratutto quella che riguarda le popolazioni indigene extraeuropee), oggi ho deciso di focalizzare la mia attenzione sulla Battaglia di Mactan per scriver questo articolo. Ma andiamo con ordine, spiegando premesse e avvenimenti di questa battaglia.

La Battaglia di Mactan fu combattuta il 27 aprile 1521 sull’Isola di Mactan, nelle attuali Filippine, tra Ferdinando Magellano e i soldati spagnoli e i guerrieri indigeni dell’isola guidati dal capo Lapu-Lapu.

Le premesse dello scontro dell’Isola di Mactan possono essere ritrovate nel secondo sbarco di Magellano a Cebu, avvenuto il 14 aprile, dove il navigatore portoghese aveva intessuto relazioni amichevoli con il Raja Humabon; quest’ultimo aveva deciso in quei giorni di sottomettersi alla corona spagnola incarnata dalla figura di Magellano e di convertirsi al Cristianesimo per assicurarsi l’alleanza della Spagna. A causa di questa sottomissione (opportunistica) di Humabon, Magellano si decise a voler dimostrare al Raja che, nel caso avesse avuto bisogno di aiuto militare per rafforzare il proprio potere e legittimare la propria autorità sui territori vicini, le forze spagnole sarebbero state in prima linea sul campo di battaglia; si evidenzia in questo modo la totale disponibilità di sostegno militare di Magellano e dei suoi soldati al Raja Humabon.

Allo stesso tempo in quei giorni il Raja dell’Isola di Mactan, Lapu Lapu, si era ribellato all’autorità di Humabon rifiutandosi di accogliere sulla sua isola e di offrire assistenza a Magellano e i suoi uomini, nuovi alleati e ospiti del Raja di Cebu. La mancata accoglienza e la decisione di ribellarsi a Humabon era stata dettata dal rancore provato da Lapu Lapu vero Magellano e i soldati spagnoli; questi ultimi infatti avevano commesso nei giorni precedenti atroci violenze ai danni della popolazione indigena locale, tra le quali le violenze ai danni delle donne e l’incendio delle abitazioni.

L’occasione della rivolta armata degli indigeni di Mactan contro l’autorità di Humabon fu il pretesto perfetto per Magellano per attaccare l’isola e dimostrare al Raja Humabon la superiorità militare degli spagnoli e per cementare sul campo la loro alleanza. Sull’onda dell’entusiasmo per sedare la rivolta di Lapu Lapu e dei suoi uomini, nella notte a cavallo tra il 26 ed il 27 di aprile, 3 battelli con a bordo 60 soldati spagnoli armati partirono alla volta dell’Isola di Mactan.

L’intenzione iniziale del navigatore portoghese era quella di offrire a Lapu Lapu una pace preventiva e totalmente sfavorevole per il Raja indigeno in modo da assicurarsi la sua sottomissione alla corona spagnola; se Lapu Lapu avesse rifiutato la trattativa di pace e le condizioni imposte da Magellano sarebbe stata guerra. E così è stato, poichè Lapu Lapu non aveva alcuna intenzione di sottomettersi alla dominazione spagnola. A questo punto, all’alba del 27 aprile, Magellano decise di scendere sulla terra ferma a capo di una cinquantina di soldati equipaggiati con armi sconosciute agli indigeni, Arrivati a riva i soldati si trovarono ad accoglierli più di millecinquecento indigeni armati di frecce e lance. Iniziò cosi uno scontro mortale che portò alla morte di Magellano per mano del Raja Lapu Lapu. Oltre al navigatore portoghese, nello scontro armato morirono anche otto soldati spagnoli e una quindicina di guerrieri indigeni.

Lapu Lapu e i suoi uomini armati di sole frecce e lance riuscirono fronteggiare e sconfiggere i soldati spagnoli e Magellano che volevano privarli della loro libertà, sottomettendoli al dominio imperialista e coloniale della corona spagnola.

Questo evento rappresenta solamente una delle innumerevoli rivolte e resistenze mosse dalle popolazioni indigene per tentare di contrastare l’espansione imperialista e l’invasione europea dei loro territori. Lapu Lapu incarna alla perfezione la lotta di resistenza del mondo indigeno contro la presunta superiorità della civiltà europea che è stata imposta con la forza durante la Storia attraverso l’imperialismo ed il colonialismo. Resistenze indigene che continuano ancora oggi dinanzi a fenomeni di natura neo-imperialista atti a devastare e saccheggiare i territori indigeni in nome del Capitale e della presunta superiorità (in termini evoluzionistici) dell’Occidente, che proietta la sua immagine di incarnazione di progresso e civiltà sul mondo indigeno ritenuto erroneamente primitivo, arretrato e perciò non ancora evoluto. Nonostante questa sua “arretratezza” il mondo indigeno, attraverso le sue rivolte e resistenze, ha dimostrato però più volte di poter sconfiggere la “superiorità” e l’arroganza della civiltà occidentale; e la Battaglia di Mactan è solo uno dei tantissimi esempi di resistenze indigene.

Precedente A Proposito di Disuguaglianza e Sfruttamento nella Società Primitiva - P.Clastres Successivo Resistenze Indigene - La Guerriglia dei Modoc